Comunicato ai Soci

Buongiorno a tutti, questo comunicato è inerente la gestione degli abbonamenti durante il periodo di chiusura forzata al quale è sottoposta la palestra.

Sappiamo tutti che questo è un momento davvero critico per molte persone, stiamo vivendo qualcosa che non si è mai visto, e non era neanche lontanamente immaginabile.

La chiusura forzata delle attività, e nello specifico delle palestre, sta creando un danno enorme a tutto il comparto dello sport, che lascerà un solco profondo in tutti noi.

Il periodo è difficile per tutti, e noi, nel nostro piccolo, vi siamo stati e vi stiamo vicini quotidianamente.

Ci sono i video giornalieri e settimanali sui nostri social (siamo stati tra i primi a farli!), i video sul nostro canale Youtube, avevamo attivato (anche qui tra i primi a farlo) gli allenamenti outdoor, fino ad arrivare ad oggi, con le classi di allenamento virtuali, dove i nostri coach vi seguono proprio come se foste in palestra, tra i vostri amici, ed infine, il servizio di personal coaching in live meeting sempre su Zoom.

Le sessioni di allenamento in classi virtuali, consentono a voi di “essere in palestra”, ed agli istruttori, di guardarvi, rispondervi, correggervi, proprio come se non ci fossimo mai separati.

Nulla di tutto questo ci è stato imposto da qualcuno, abbiamo deciso di farlo, per starvi vicini e seguirvi, proprio perché amiamo il nostro lavoro!

Abbiamo continuato a lavorare per voi durante tutto questo periodo, continuando quindi a sostenere le spese ricorrenti, ovvero tra le altre: gli istruttori che vi seguono giorno per giorno e che preparano per voi gli allenamenti, la manutenzione necessaria per i locali e gli attrezzi, i canoni mensili per le attrezzature di sicurezza, le utenze…e tutto quello che ruota attorno alla struttura, senza contare le spese straordinarie, come la pulizia extra degli ambienti, che tanto importante è in questi giorni!

Nonostante quindi nessun obbligo formale, vi siamo vicini al massimo delle possibilità che il governo ci permette.

Quello che stiamo facendo non compenserà completamente il servizio che ciascuno di voi ha pagato in fase di sottoscrizione dell’abbonamento, ma sarete d’accordo con noi che la colpa  non può essere imputata alla palestra.

Detto ciò, anche se il contratto che ciascuno di voi ha sottoscritto in fase di associazione ci esonera da ogni responsabilità e obbligo, vogliamo esservi ancora vicini.

Per prima cosa vi riporto qui un estratto del secondo paragrafo del primo punto del contratto che ciascuno di voi ha sottoscritto:

L’utilizzatore si impegna a corrispondere per intero la quota stabilita, secondo le modalità ed alle scadenze indicate, anche nel caso in cui dovesse rimanere assente , interrompere temporaneamente, ovvero diminuire la frequenza alle attività sportive per qualsiasi motivo non dipendente dall’associazione. Nel momento in cui l’iscritto per propria volontà dovesse recedere dall’associazione per qualsiasi motivo a noi non imputabile, non avrà nessun diritto alcuno alla restituzione delle somme eventualmente già versate, neppure in parte.

 

Quindi, anche se non abbiamo obblighi contrattuali, vogliamo fare in modo che possiate recuperare il periodo perso.

La cosa che avremmo voluto fare immediatamente, sarebbe stata quella di aggiungere il periodo non fruito in coda all’abbonamento, immediatamente, ma ciò non è possibile, e vi spieghiamo per trasparenza anche il perché.

Fino ad oggi, ovvero fine aprile, abbiamo sostenuto oltre 2 mesi di chiusura forzata, subendo perdite che vanno ben oltre il 90%. Ipotizzando una riapertura a giugno, vorrebbe dire 4 mesi in cui gli incassi sarebbero 0, mantenendo comunque una serie di spese.
Aggiungere subito altri 4 mesi all’abbonamento, vorrebbe dire arrivare a 8 mesi di incassi 0, e costi che lieviterebbero alla riapertura.
Inutile contare sui nuovi iscritti, date le evidenti difficoltà che tutti stiamo passando, e la certezza che gli ingressi in palestra dovranno necessariamente essere contingentati.

Il recupero immediato dei mesi persi porterebbe quindi alla chiusura definitiva del centro, portando i soci a non poter usufruire neanche dei mesi rimasti di abbonamento. Si perderebbe quindi tutto.

Come vi dicevamo, abbiamo comunque pensato a possibili soluzioni che consentano a tutti voi di recuperare nel tempo i mesi persi per causa del virus.

Le possibilità:

1 Per gli associati con abbonamenti attivi alla riapertura, ed in regola con i pagamenti, accodiamo il 100%  dei mesi persi, subito al rinnovo della primo semestre o annualità.

2 Per gli associati con abbonamenti scaduti durante il periodo di chiusura, accoderemo il 100% dei mesi persi, al rinnovo della primo semestre o annualità, dopo la riapertura. Per chi non vorrà rinnovare offriremo comunque  un voucher pari al 50% del valore del periodo non fruito.

3 Per gli associati che hanno rinnovato in anticipo il loro abbonamento durante i mesi di chiusura, e che ringraziamo per il supporto attivo alla vita dell’associazione, accoderemo subito il 50% dei mesi alla riapertura, e il restante 50% al rinnovo del successivo semestre o annualità.

4 Per i corsi di Zumba, consegneremo 2 voucher, ciascuno pari al 50% del valore del periodo non fruito, da spendere, il primo subito alla riapertura, ed il secondo al primo rinnovo. In ogni voucher includeremo  anche l’abbonamento fitness.

Questa decisione comporta per la nostra associazione un carico estremamente pesante, ma abbiamo deciso, ancora una volta, di premiare chi ci ha scelto, sobbarcandoci un onere senza alcun tipo di aiuto dal governo.

La ripresa sarà dura, ma ce la faremo tutti assieme.

Le agevolazioni che abbiamo messo in campo, s’ intendono valide per tutti gli associati in regola  con i pagamenti, vi chiediamo quindi di saldare le scadenze di questi mesi, nel caso voi ne aveste.

 

Siamo certi che apprezziate le decisioni prese, siamo tutti parte lesa in questo momento difficile.

Per qualunque chiarimento, vi invitiamo a non utilizzare whatsapp, ma a scrivere una mail a info@fit4wellness.it , sarete ricontattati appena possibile, e comunque in breve tempo.

Se aveste particolari esigenze o problemi, vi invitiamo a scriverci, troveremo una soluzione insieme.

Ringraziamo lo staff ed i colleghi, per il prezioso aiuto e lo spunto nel trovare una soluzione a questo grave problema.

Infine,ringraziamo  sin da ora chi ha voluto già confermarci, e chi lo farà, la sua volontà a rinunciare a qualunque tipo di recupero, comprendendo il grave onere che ci aspetta nei prossimi mesi; grazie!

Con tenacia e speranza,

Valentino e Alessandro